Le Pmi italiane puntano sul noleggio delle attrezzature

Qualsiasi azienda grande o piccola che sia, necessita di un “corredo base” per l’ufficio costituito essenzialmente da computer, telefonini, sistemi di videosorveglianza, stampanti, apparecchi multimediali e da software.

Dal momento che l’impiego di tutti questi strumenti comporta una spesa rilevante sia dal punto di vista di costo del materiale sia per quello che riguarda la loro eventuale manutenzione, sempre più Pmi italiane stanno optando per una soluzione che consente l’abbattimento dei costi: il noleggio degli apparecchi invece del loro acquisto.

Questo modello si è dimostrato particolarmente efficace nel caso dei servizi cloud, per questo si è deciso di applicare il pay per use anche nel caso di software o hardware tradizionali.

Uno dei vantaggi che offre questa tipologia di business sta soprattutto nella totale non immobilizzazione del proprio capitale.

In questo modo, sia un libero professionista che un imprenditore potranno aggiornare tutti i sistemi tecnologici ed informatici necessari per lo sviluppo della propria attività abbattendo i costi di acquisto grazie al noleggio, pagando piccole rate senza nessun anticipo e avendo anche la possibilità di poter stipulare un noleggio delle apparecchiature di 18/24/30/36/48/60 mesi.

In questo modo, si potranno sempre avere a disposizione strumenti all’avanguardia che non hanno perso il loro valore, né la loro funzionalità dopo alcuni mesi dall’acquisto.

Il servizio offerto alle Pmi italiane si basa su ICT e office automation.

Numerosi sono stati quest’anno i contratti di noleggio che sono stati stipulati: si parla di più di 35.500 contratti, una cifra questa che è cresciuta del 26% rispetto ai dati emersi da un’analisi nello stesso periodo, risalenti al 2017, così come si è registrata una crescita del 25% del valore della somma degli asset dati in locazione, per un ammontare di circa € 278 milioni.

Sempre in tutto il 2017, invece, il valore dei beni in leasing (€ 462 milioni) era già cresciuto di circa il 41% a differenza dell’anno precedente.

Si punta pertanto ad una diffusione capillare della tipologia del noleggio da preferire rispetto all’acquisto, che vada ad interessare tutto il territorio nazionale.

Del resto, la stessa economia italiana sta incentivando le Pmi dal momento che rappresentano l’ossatura del nostro sistema economico e quindi bisogna essere attenti a rispondere prontamente alle loro richieste inerenti anche tipologie di finanziamenti sostenibili e semplificate attraverso l’abbattimento della lunga burocrazia che a volte scoraggia la loro intraprendenza.

Devi sostuire i dispositivi in azienda? Chiedi una consulenza gratuita cliccando qui oppure guarda i prodotti che puoi noleggiare cliccando qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *