Smartworking e BYOD cosa sono e i vantaggi ai tempi del coronavirus

Con l’espandersi in Italia del Coronavirus, in molti si sono ritrovati in difficoltà, specialmente uffici e aziende, dovendo rimanere chiusi per giorni e domandandosi come gestire il lavoro.

In tale occasione, non tutti sanno che la legislatura italiana ha disciplinato delle norme a favore dello smartworking.

Garantendo in questo modo di arginare il problema contagio, assicurando comunque una continuità lavorativa e non cosa da poco, un passo verso l’ecologia e il nostro pianeta.

Ma cos’è  esattamente lo smartworking?

Negli ultimi anni si è evoluto il concetto di smartworking, il cosiddetto lavoro agile, da non confondere con il telelavoro.

Mentre il telelavoro obbliga il dipendente a un unico luogo fisso per adempiere il suo lavoro, lo smartworking, dà la possibilità di esercitare ovunque si voglia, che questa sia casa o un luogo diverso.

Grazie proprio alle nuove tecnologie, molte aziende, uffici e PA, hanno preso in considerazione questa nuova etica lavorativa che assicura un modo di operare in piena libertà e autonomia, per il datore che per il dipendente.

In pratica è un accordo tra dipendente e azienda, in modo da garantire al primo una flessibilità oraria e di conseguenza conciliare la vita e il lavoro, cosa non facile in questi giorni e alla seconda una crescita di produttività, senza perdita di guadagno, direi importantissimo.

Lo smartworking è qualcosa che va oltre, è una vera e propria collaborazione e organizzazione a più livelli, dove è possibile scegliere luogo e orari, basato sul raggiungimento dell’obiettivo.

Quattro punti fondamentali per la disposizione allo smartworking sono:

-avere regole fisse, come orari d’inizio e fine lavoro o comunque la totalità di esse, in modo da garantire l’obbiettivo richiesto, esempio l’azienda mi chiede un lavoro in 2 giorni, indipendentemente dalle ore che gli posso dedicare

– scegliere i dispositivi giusti per il lavoro da eseguire, facilitando il suo svolgimento e di conseguenza la produttività, fornendo attrezzature adatte sempre aggiornate e funzionanti

– definizione degli spazi, è una cosa veritiera, che l’ambiente, dove si lavora, può agevolare e migliorare l’operato, quindi il lavoratore che opera esempio da casa, sarà più rilassato e meno stressato

– determinazione della leadership, che deve interagire e migliorare il lavoro degli addetti, essendo un vero e proprio supporto per il lavoratore e in tal caso facilitare il dialogo tra azienda e dipendente.

Abbiamo dato indicazioni sullo smartworking, ma vediamo invece col termine BYOD, a cosa ci riferiamo.

BYOD è un acronimo che sta per “bring your own device che in italiano sarebbe porta il tuo dispositivo, è un modo di dire per riferirsi a quelle politiche aziendali, che consentono l’utilizzo dei dispositivi del dipendente per poter lavorare e di conseguenza avere accesso ai dati aziendali.

Modificando lo stato del dispositivo, saranno create due interfacce, una personale e un’aziendale sul vostro smartphone o computer.

In modo che tramite intranet e accesso remoto, il lavoratore possa operare anche da casa o dove esso si trovi, entrando nei server e accedendo ai dati in essi.

I vantaggi di un nuovo mondo lavorativo

Sono molti i vantaggi nell’utilizzo dello smatworking e BYOD, sia in ambito aziendale sia ecologico, infatti, non tutti sono a conoscenza dei pregi di questa nuova cultura lavorativa, qui ne indicheremo solo alcuni:

-diminuzione dei costi, utilizzando i dispositivi personali del lavoratore, l’azienda non deve più acquistare apparecchi per ognuno di loro, ne pensare ai vari aggiornamenti o assistenza

– in caso di mancanza di essi, l’azienda può appoggiarsi al noleggio, molto più economico dell’acquisto, avendo sempre attrezzature funzionanti e adeguate

– non c’è più la preoccupazione se il dipendente non conosce il S.O., dato che utilizza i suoi dispositivi, li comprenderà molto bene e di conseguenza, sarà più rilassato e produttivo

– minore assenteismo, se il lavoro non è terminato in sede, può essere finito al proprio domicilio, sempre nei tempi richiesti dall’azienda

– riduzione dell’inquinamento, proprio grazie a questa forma di lavoro, calerà lo spreco di carta, poiché i documenti saranno reperibili su server adibiti a essi

– ma soprattutto meno CO2 nell’ambiente, dato che non c’è l’obbligo di recarsi sul posto di lavoro, e quindi meno utilizzo di mezzi di trasporto e inquinamento da fumi

– riduzione dell’energia elettrica, utilizzando in azienda meno dispositivi, sarà molto più alleggerita la bolletta e di conseguenza anche l’ambiente ne gioverà.

 Ora che abbiamo appreso i vantaggi di questa nuova modalità di lavoro e giunto il momento di agire e provvedere alla fornitura di dispositivi più nuovi, in modo economico e veloce scegliendo tra i tanti prodotti disponibili che si possono noleggiare su ufficioanoleggio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *